22 Mar 2016

Running per salvare vite umane

12592183_836276063168613_793834813849556090_nIl miglioramento della salute materna e la riduzione della mortalità infantile sono tra gli obiettivi di sviluppo sostenibili – Sustainable Development Goals (SDG’s) che il 25 settembre 2015 sono stati sottoscritti dalle Nazioni Unite

Anche il governo del Kenya ha inserito questi due punti nel programma politico nazionale a lungo termine chiamato Vision 2030 e il Ministero della Salute sta facendo tutto il possibile per garantire che vengano raggiunti

Secondo I dati del report Commission on Information and Accountability for Women and Children’s Health 2013, nel solo 2012, più di 100 000 bambini sono morti prima del loro quinto compleanno, spesso per cause facilmente prevenibili. Nello stesso anno, 13 000 nuove infezioni da HIV si sono verificate tra i bambini e il 62% dei bambini contagiati non hanno accesso ai farmaci salvavita.

In risposta a questa preoccupante realtà, la First Lady del Kenya, Margaret Kenyatta, il 24 gennaio 2014 ha lanciato il ‘Beyond Zero Campagna’ a Nairobi, una campagna volta ad azzerare la mortalità materno-infantile dovuta a cause prevenibili e facilmente curabili.

I fondi sono stati raccolti grazie all’organizzazione di maratone denominate “Beyond Zero Marathon” che per tre anni di fila hanno mobilitato con successo l’opinione pubblica sul problema, ottenendo donazioni sia in denaro che in attrezzature mediche per le cliniche mobili delle aree più remote del Paese.

La terza edizione della campagna Beyond Zero Marathon si è svolta il 6 marzo 2016. Migliaia di keniani e non, hanno partecipato alla maratona, e il ricavato fornirà attrezzature mediche per le cliniche mobile di 36 contee. La maratona, sport che ha grande seguito in Kenya, riunisce persone di diverse etnie, religione ed età, tutti a sostegno di questa nobile causa.

World Friends ha pienamente condiviso e sostenuto l’iniziativa, e Il Ruaraka Uhai Neema Hospital ha partecipato alla maratona con la sua ambulanza in prima fila, insieme ai servizi medici di emergenza  della Croce Rossa.

 

Sostieni i nostri progetti>>