03 Apr 2020

Emergenza COVID-19: CCM e World Friends insieme per garantire la salute dei senza fissa dimora

r-esisto 3

r-esisto 3Dal 1° aprile è attivo “Io R-esisto in strada: outreach socio-sanitaria per i senza fissa dimora di Torino”. Il progetto si rivolge alla popolazione dei senza fissa dimora di Torino per sostenerli nell’attuale crisi sanitaria dovuta alla diffusione del COVID-19. Attualmente i senza fissa dimora stanno affrontando una fase di grave difficoltà non potendo di fatto rispettare le regole di prevenzione e isolamento sociale necessarie a difendersi dall’eventualità di contagio da Coronavirus. Inoltre molti servizi a loro normalmente dedicati sono stati sospesi e il progetto permetterà di riprendere le attività di educazione sanitaria e distribuzione di farmaci presso gli ambulatori di Via Nizza e Via Saccarelli.

Il contesto

I senza fissa dimora sono la fascia della popolazione più fragile dal punto di vista sociale, economico e sanitario. Solamente a Torino sono stimate oltre 2.000 persone senza fissa dimora, non considerando gli “invisibili” al conteggio, individui non raggiunti da alcun servizio o in transito. Molte di queste persone affrontano già numerosi problemi tra cui la mancanza di un’abitazione, la perdita del lavoro e l’isolamento sociale. Da un punto di vista sanitario molti di loro sono affetti da malattie croniche legate alle condizioni di vita in strada, dunque alla mancanza di un riparo, alla cattiva alimentazione, alle scarse opportunità di cura dell’igiene personale e della propria salute.

La città di Torino si è più volte dimostrata capace di organizzare una fitta rete di servizi in risposta alle diverse esigenze dei senza fissa dimora (dormitori, mense, punti di distribuzione abiti e viveri, ambulatori sociali e bagni pubblici). L’emergenza sanitaria COVID-19 sta però aggredendo in maniera molto dura questa fascia di popolazione che rimane tra le più esposte al rischio di contagio e vede di giorno in giorno ridursi i servizi su cui poter contare per rispondere alle proprie necessità di base.

Per una persona senza fissa dimora è difficile, se non impossibile, rispettare le norme igieniche e sanitarie utili a preservarsi dal contagio. Non sempre è possibile lavarsi le mani o attuare distanziamento sociale. Lo stesso invito a stare a casa risulta particolarmente amaro per persone che conoscono solo la possibilità di un riparto per la notte ma, di fatto, nelle restanti ore del giorno non hanno alcun posto dove stare.

Il progetto

La vita dei senza fissa dimora è scandita dalla soddisfazione di bisogni primari che non possono essere rimandati e molti di questi, il dormire o il mangiare, prevedono necessariamente la condivisione di spazi comuni. Queste caratteristiche rendono cruciale un approccio mirato alla prevenzione e alla tutela sanitaria di persone che per diversi motivi (mancanza della residenza fittizia, perché stranieri irregolari o per stigma e vergogna) non possono fare riferimento ad un medico di base.

Oltre ad essere una questione di tutela della salute dei più fragili, che come quella degli altri cittadini deve essere prioritaria rispetto ad ogni altra considerazione, non bisogna tralasciare le potenziali ricadute in termini di salute pubblica, dell’abbandono all’autogestione delle oltre 55.000 persone che vivono in strada sul territorio nazionale.

“Io R-esisto in strada” si pone come obiettivo l’allestimento di attività di assistenza socio-sanitaria, fornendo ascolto, educazione sanitaria e distribuendo farmaci da banco e kit igienici ai senza fissa dimora. Inoltre sarà organizzato un servizio di supporto telefonico gestito da personale medico, rivolto agli operatori delle strutture di accoglienza diurna e notturna, mense, distribuzione viveri e vestiario.

I partner

Il progetto “Io R-esisto in strada” è realizzato in collaborazione con CCM – Comitato Collaborazione Medica. World Friends collabora da alcuni anni con CCM in progetti rivolti ai senza fissa dimora presso gli ambulatori di Via Saccarelli e Via Nizza. Nell’ambito di queste collaborazioni sono state svolte attività di educazione e orientamento sanitario, nonché di distribuzione di farmaci da banco che ora saranno riprese.

World Friends e CCM hanno tenuto nel corso delle ultime settimane un’intensa comunicazione con l’Ufficio Adulti in Difficoltà della città di Torino, al quale hanno presentato disponibilità, vista la chiusura dei centri in cui era realizzato l’ambulatorio, a mettersi a disposizione di altre realtà che potessero beneficiare delle competenze sanitarie, e della presenza dei volontari, delle due associazioni. Da questa offerta di disponibilità, L’Ufficio ha identificato un numero di riferimento per situazioni sanitarie meritevoli di attenzione.

Il progetto “Io R-esisto in strada” è stato realizzato con il sostegno di Fondazione Compagnia di San Paolo nell’ambito del bando “Insieme andrà tutto bene”.

r-esisto 2