SonoMobile


SonoMobileNegli insediamenti informali di Nairobi, area target del progetto, I tassi di mortalità neonatale ed infantile sono del 133% più elevati rispetto alla media della città [Ndugwa RP, 2008; APHRC, 2014], mentre la mortalità materna è quasi doppia della media nazionale [Ziraba AK, 2009; APHRC, 2014].

Tra i principali fattori determinanti, si annovera la limitata disponibilità di servizi di ecografia di base durante il percorso perinatale ed il conseguente mancato sfruttamento del loro potenziale diagnostico [SZ Wanyonyi, 2017].

Promuovendo un più diffuso ed equo accesso all’ecografia ostetrico-ginecologica è possibile individuare, per tempo, un maggior numero di condizioni che mettono a rischio la sopravvivenza di madri e nascituri – ad esempio parti gemellari e pretermine [M Wambui, 2016], malformazioni fetali [M Whitworth, 2015], gravidanze ectopiche [AH Flores, 2014]. A seguito della diagnosi anche da parte di un’infermiera [Kimberly HH, 2010] si possono adottare, in maniera informata, le precauzioni terapeutiche necessarie a prevenire/ridurre gli eventuali esiti negativi.

Nonostante il 98% delle donne in gravidanza effettui perlomeno 1 visita prenatale [Ruaraka AWP, 2017-2018], il più delle volte in occasione di quella visita, tuttavia, non viene effettuata alcuna indagine ecografica, per mancanza di risorse economiche o materiali [KR Millar, 2017].

Il progetto prevede un intervento a favore dei soggetti più vulnerabili dal punto di vista medico-sanitario, ovvero donne in gravidanza e neonati, consentendo un accesso maggiore ai servizi diagnostici di ecografia nelle aree più marginalizzate di Nairobi.

Le attività principali:

  •  Formazione di infermiere/ostetriche specializzate in ecografia e debitamente riconosciute.
  • Avvio e gestione del servizio di ecografia mobile presso strutture che offrono Primary Health Care, con priorità assicurata alle aree marginalizzate della capitale.

Sostieni anche tu il progetto SonoMobile>>

 

Questo progetto è finanziato dall’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo

AICS_HEADER_530x130_ITA2018